1“Networks” è il titolo della personale di Andrea Sala che la galleria Schiavo Mazzonis ospita fino al 13 maggio nei suoi spazi  romani. Lavorando sul fascino esercitato dalle prime trasmissioni televisive e rielaborando in chiave artistica gli strumenti tecnologici e pratici indispensabili alla stessa diffusione dei programmi, come le antenne e gli speaker, Andrea Sala trasferisce in una galleria quello che si definisce in gergo “network”, tramutandolo in una rete di opere autonome ma legate fra loro.

Risultato di questa trasposizione sono sculture astratte in materiali vari, dal ferro alla resina acrilica, dall’acciaio al plexiglas, pensate appositamente per gli spazi della galleria, dense di rimandi non solo alla televisione ma anche al cinema e all’arte.

“Trovare una nuova immagine in una forma esistente e scoprire una potenzialità diversa all’interno di un oggetto sono aspetti fondamentali del mio approccio” si legge nella scheda personale dell’artista, interessato quindi alla ricollocazione delle forme in nuovi contesti. Una sorta di più complesso ready made.