E’ in corso presso il Pastificio Cerere di Roma l’interessante mostra di Katinka Bock dal titolo “D’un vert tirant sur le bleu”, che rimanda ai colori della terra e del cielo il cui incontro costituisce la linea dell’orizzonte. Sulla scia di questa relazione, l’artista, nata a Francoforte nel 1976, ha pensato per la sua prima personale italiana ad una serie di lavori impostati sul tema del rapporto tra l’opera e il contesto in cui questa si colloca, sul legame tra interno ed esterno, tra oggetto e dimensione spazio-temporale. In questo complesso gioco di rimandi, gli elementi architettonici (pareti, soffitto, pavimento) vengono spogliati di quanto fà di essi un limite e diventano luogo dell’integrazione tra lo spazio e l’opera.

La mostra, aperta fino al 22 gennaio 2010 e curata da Lorenzo Benedetti, presenta lavori che insistono sui temi della distanza, della durata, della misura e della percezione. Quest’ultima è presente in Local colour balance, che attua un bilanciamento tra le tinte fredde del verde e del blu ed il calore del giallo dei limoni, nonchè in Ognuno sta solo, in cui una lampadina accesa è sotterrata emanando un fioco bagliore. Nella stessa stanza, un foro nella parete si apre sulla realtà altra della stanza adiacente, permettendo l’ingresso della luce.

Il rapporto tra esterno ed interno è riproposto da Die Diagonale (Rom), in cui una corda, dopo aver costruito una prospettiva, passa attraverso una parete per uscire nel cortile esterno. Fuori si trova anche una delle due sculture dell’opera Geschwister: questa, a differenza dell’altra che staziona all’interno, subisce gli attacchi degli agenti atmosferici e si deteriora nel corso della mostra. Il tema del tempo e della sua durata, intrecciato stavolta con quello della distanza, anima Trois mesures in cui alcune sculture, gettate dai ballatoi del Pastificio, vengono cotte al forno dopo essersi schiantate al suolo. Il loro aspetto finale è il risultato dell’impatto combinato con la distanza della caduta: se ne deduce che la scultura non è concepita solo in relazione allo spazio ma anche in relazione al tempo.