Pittura


Ho scoperto il nome di Luciano Rignanese tra i membri del collettivo Massagrigia. Pugliese, nato nel 1979 ma attivo a Roma da 12 anni, Luciano si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Roma ed è costumista, scenografo e fotografo di scena.

Quella che vi segnalo oggi però è una personale di pittura, sua prima passione. “La decisione dell’esistenza”, questo il titolo, aprirà i battenti il prossimo giovedì 28 gennaio alle ore 18 presso la Galleria Vittoria in via Margutta 103 a Roma (con la curatela di Tiziana Todi e Robertomaria Siena) e sarà visitabile fino al 6 febbraio.

In mostra saranno presentati 6 olii su tela di 1m x 1m e 20 fusaggini 24 x 30 cm, aventi per tema la natura morta come sinonimo di attenzione al quotidiano, alla vita delle piccole cose di tutti i giorni. La pittura tonale, con i suoi passaggi cromatici graduali, ben si presta allo scopo, riallacciandosi alla tradizione italiana (Giorgio Morandi, per fare un esempio) e traducendo in pittura la semplicità di forme e oggetti consueti.

La galleria è aperta dalle ore 15 alle ore 19, dal lunedì al venerdì; domenica e fuori orario su appuntamento.

Annunci

A Roma, in via della Reginella 26, esiste uno spazio dall’identità ben precisa: una white box lunga 6 metri, alta 3 e larga 2 interamente visibile dalla strada per tutto il giorno e che nel nome, Opera Unica, racchiude il significato della sua esistenza ovvero esporre di volta in volta l’opera unica di un singolo artista. Uno schermo riporta titolo dell’opera, nome dell’autore e suoi contatti per una durata variabile tra i 3 e i 7 giorni.

Il concept di Opera Unica ricorda un po’ quello di Edicola Notte, spazio creato nel cuore di Trastevere dall’artista cino-malese H.H.Lim, da molti anni a Roma. Anche lì un ambiente minimale, lungo 7 metri e largo 1, che di volta in volta un artista è chiamato ad animare con il proprio libero intervento. Un unico ingresso dà sulla strada, mentre l’opera di notte viene illuminata perchè sia visibile ai passanti.

Opera Unica, in collaborazione con la Takeway Gallery, ha organizzato una manifestazione dal titolo “24×24” che si terrà dalle 11 del mattino del 22 gennaio fino a domenica 14 febbraio: 24 giorni affidati ad altrettanti giovani artisti emergenti, italiani e internazionali ma tutti attivi a Roma.

Ciascuno di loro occuperà lo spazio della galleria per 24 ore, realizzando la sua opera (pittura, scultura, installazione o performance) e lasciandola visibile prima di cedere il posto, alle 11 del giorno dopo, all’artista successivo. Il tutto senza vincoli tematici e sotto lo sguardo dei passanti, che assisteranno alla creazione passeggiando lungo la strada.

(altro…)

Dal 16 al 24 Gennaio, Bracciano ospiterà la quinta edizione del DDANG, collettiva dedicata ai giovani artisti che si muovono sul territorio romano e laziale e pensata per le nuove generazioni. Un’esposizione che coinvolge diverse discipline, dalla pittura alla fotografia, dall’installazione alla videoart, che, insieme ad incontri e conferenze,  animeranno le sale del Complesso del Chiostro degli Agostiniani.

Molti gli artisti che hanno aderito alle passate edizioni tra cui Sten, Lex, Lucamaleonte, Matteo Bastianelli, Kino, Omino 71, Pamela Pintus, Giovanna Vicari, Francesco Mirizzi,  Stefano Azzena e molti altri.

Il tema di quest’anno è l’Inter_Azione intesa come ” trasformazione necessaria e spontanea dello spazio urbano messa in atto, sia da singoli abitanti sia da intere comunità, per far fronte a nuovi bisogni e desideri non corrisposti; come lotta tra lo spazio urbano, spesso coercitivo capace di condizionare comportamenti, stili di vita e stati d’animo quotidiani, e la comunità che è chiamata a viverlo; come percorso dalla realtà all’utopia; uno stimolo per immaginare sviluppi futuri di dinamiche sociali e spaziali per la creazione di nuovi mondi“.

Per il programma completo cliccate qui.

Ricordate “Adrenalina”, la manifestazione romana svoltasi lo scorso marzo per dare spazio e visibilità alle generazioni emergenti di artisti italiani e non? In quell’occasione, 52 artisti provenienti da Italia, Iran, Svezia, Croazia, Germania, India, Francia, Australia e Svizzera si erano confrontati, negli spazi dell’Ex Mercato Ebraico del pesce, attraverso i linguaggi della fotografia, della pittura, della scultura, della performance e della videoarte. Bene, in attesa dell’edizione 2010 è stata organizzata una sorta di edizione intermedia dal titolo “Adrenalina 1.1” che si terrà a partire da oggi, 18 dicembre, fino a mercoledì 30 dicembre, negli ambienti della Galleria Spaziottagoni in via Goffredo Mameli 9 (Trastevere) e sarà strutturata in due categorie: arti figurative e arti performative.

I sette artisti coinvolti con le loro opere in questa mini-edizione sono Sabrina Casadei (1985), Chandra Fanti (1982), Massimo Fiorini (1973), Massimo Fogliazza (1976), Michela Lenzi (1967), Dario Riccardo Puggioni (1977) e Valerio Volpi (1987). Come accennato in apertura, oggi alle 19 si svolgerà il vernissage con le body art performances di Damiano Tullio, Antonietta La Rocca e Mr Ferdy il Guru insieme al live set electronics di Nataraja. Altre performances sono in programma per domani 19 dicembre (ore 19) con Sonia Floris, domenica 20 dicembre (ore 19) con Laura Leone e Sonia Floris, e infine, in occasione del finissage, mercoledì 30 dicembre (ore 19) con Damiano Tullio e Mr Ferdy il Guru.

Come emerge dalle parole dell’assessore Laura Marsilio, “Adrenalina” ha la doppia finalità di sostenere la creatività degli artisti emergenti e, nello stesso, accostare i giovani all’arte e alla cultura. La manifestazione “Adrenalina. L’arte emerge in nuove direzioni”, è infatti sostenuta dall’Assessorato alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù del Comune di Roma, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, ed è curata da Federico Bonesi con la direzione artistica di Ferdinando Colloca.

Nel corso della manifestazione si terrà anche una raccolta fondi promossa dall’Associazione Culturale Mameli 7 per la costruzione di un presidio sanitario in Libano, a sud di Beirut, che dovrà ospitare bambini e anziani portatori di handicap e socialmente disagiati.

Ha uno stile fresco ed accattivante, che rapisce lo sguardo in quel roteare di colori che danno vita a donnine dagli occhioni sgranati, allibiti, trasognati, dalle teste sproporzionate attaccate a gracili corpi, sorridenti ma molto più spesso imbambolate che non passano di certo inosservate. Sono festose nelle cromie sgragianti, surreali nelle ambientazioni tanto nelle illustrazioni quanto nelle opere pittoriche di questa giovane artista, in arte Elenik, all’anagrafe Elena Boccoli; visione alternativa di quella bellezza fatale che da troppo la fa da padrona nella odierna cultura estetica e visiva, si impone come una ironica parodia della femminilità, un consiglio, forse, a non prendersi troppo sul serio ma godersi la vita scrollandosi di dosso tanti pesi inutili e vivere con più leggerezza.

E’ diretta, comunicativa e “semplice” proprio come nella sua prima, e forse più importante esposizione personale, quella sul frigo della zia Angela.

Fino al 28 Dicembre al Cargo di Via del Pigneto 20 (Roma).

Divertente e spassosa!!! Per ridere di noi e con noi!!!!

Lo frequentavano gli artisti, su tutti Lucio Fontana e Piero Manzoni, letterati come Nanni Balestrini, poeti, come Salvatore Quasimodo e Giuseppe Ungaretti, e l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Sto parlando del bar Jamaica, storico caffè di Milano, nato nel 1921 e noto appunto come Caffè degli Artisti, data anche la vicinanza con l’Accademia di belle arti di Brera.

E’ in questo contesto così carico di storia e che immagino ancora impregnato delle riflessioni, dei pensieri, delle divagazioni e dei dibattiti tra i protagonisti dell’arte italiana del passato, che aprirà i battenti tra poco più di un’ora, alle 18.30, la mostra di Francesco Di Luca, nato nel 1979 e diplomato proprio a Brera, che al Bar Jamaica presenta una decina di opere, piccole lamiere di ferro saldate e smaltate che riportano in vita una città, in particolare Milano, che sembra non esistere più.

La riflessione di Francesco Di Luca riguarda la perdita d’identità dell’uomo moderno, la sua tendenza a spogliarsi dell’essenza per crogiolarsi nell’apparenza e nella superficialità, maschera e corazza di inquietudini e fragilità. I dipinti-sculture realizzati dall’artista sono simili a vecchie foto o a schizzi, ritrovati accartocciati in un cestino o in fondo ad una tasca, simboli della memoria di una città scomparsa sotto i colpi della contemporaneità e della frenesia urbana.

Così Stefano Bianchi, curatore della mostra, afferma: “Riprende a soffiare il respiro della vita quotidiana, nell’impeccabile architettura di queste immagini velate di antiruggine per mantenere in luce le parti ferrose”. Gli uomini e le donne non contaminano questi scenari, queste prospettive cittadine, ma attendono piuttosto di riconquistare un corpo nuovo, senza orpelli, dove sull’apparenza l’essere ha la meglio.

Se vi trovate a Milano o nei dintorni, naturalmente vi invito a prendere parte a questo gioco della memoria e della riflessione. Sappiate comunque che potete visitare la mostra fino al 19 dicembre.

portraitsIl 12 Novembre inaugura il nuovo appuntamento con la giovane arte romana curata da Elsewhere Factory presso il Laboratorio51 di San Lorenzo.

Dalle 19:00 alle 21:00 il Laboratorio51 curerà l’aperitivo di vini, cibi biologici e birre artigianali e dalle 21:00 sino alle 2:00 del mattino l’intrattenimento musicale sarà curato da Les Courgettes Electroniques accompagnato dai VisualS di ZiGOTi.

Molto interessanti gli artisti proposti, come la tematica dedicata ai ritratti; Portraits – Ritratti Non Convenzionali è il titolo dato a questa quarta esposizione in cui “esplorando nuove e audaci strategie di rappresentazione, giovani artisti emergenti della scena romana propongono visi a volte seducenti, a volte toccanti, a volte spaventosi, sicuramente mai scontati “.

Lucamaleonte, Uno, Zelda Bomba, Alessandra Fusi e Dora Ragusa vi aspettano con le loro opere il 12 Novembre, Save the date!

Pagina successiva »